Meditazione

Integro il metodo di arteterapia umanistica con la meditazione. La meditazione è una pratica di presenza consapevole ed ha come fine l'evoluzione della persona e delle sue relazioni.

"Meditare significa entrare in contatto con l'attrito tra ciò che siamo e ciò che vorremmo essere, ed è proprio questo il motivo per cui, in certe fasi, è difficile meditare" (Cit. Paolo Menghi).

Quale è il nostro punto di partenza? Quale è la nostra affinità con il silenzio e con la meditazione?

La meditazione è una pratica che aiuta a collocarsi nel tempo e nello spazio. Inizia col sedersi in modo corretto. Si deve controllare in particolare la schiena, perché sia ben eretta. Bisogna farsi coscienti dell'essere qui e ora lasciando da parte ogni altra preoccupazione. Gli occhi sono chiusi. Quindi si entra in contatto col respiro in modo profondo, assecondando il suo fluire.

E' un lavoro di osservazione e di ascolto. Non si tratta di cercare alcunché di straordinario, ci si limita a osservare. Osservare e ascoltare senza giudizio. Essere in contatto con la realtà e con se stessi in un processo di costante evoluzione, alla ricerca infine dell'accettare la vita, sia nella sua valenza positiva che in quella negativa.

Charlotte Trachsel - E-mail: info@arteterapiaumanistica.it - Foto di Anna Katherina Boninsegni